fbpx

Fairy Tail sta per tornare su Rai Gulp

“Dovunque mi trovi il mio cuore resterà sempre nello stesso luogo..quindi ti prego donami il potere per proteggere la gilda..perchè io amo Fairy Tail!”

Un ritorno molto atteso quello di Fairy Tail, era il 2016 quando i primi 149 episodi dell’adattamento anime dell’omonima opera targata Hiro Mashima andarono in onda su Rai 4; il doppiaggio si confermò assolutamente fedele all’adattamento italiano del manga.
Il grande successo riscosso dall’opera, spinse la Rai a riproporre il prodotto su Rai Gulp; prodotto che venne successivamente reso disponibile anche su Netflix.

Ambientato nell’immaginario regno di Fiore, una nazione del continente di Ishgar, a sua volta situato da qualche parte su Earthland, il mondo dove si svolgono gli eventi narrati e dove la magia è parte integrante della vita quotidiana dei suoi abitanti. Ad Earthland è normale entrare negli specifici negozi ed acquistare incantesimi e chiavi magiche in grado di evocare creature provenienti da un altro piano dimensionale.

Non tutti gli abitanti di Earthland possono però ricorrere alla magia.

Prendendo il paese di Fiore come esempio, si calcola che in quest’ultimo la magia sia presente solamente nel 10% dei suoi abitanti. Coloro che posseggono questa capacità, vengono chiamati “Maghi”. Molti maghi lavorano su commissione, accettando missioni da svolgere in gruppo o individualmente, risultano quindi molto simili ai loro collegi di altre opere “Shonen” come i ninja di Naruto (qui per saperne di più).

Fairy Tail

Quasi tutti i maghi presenti su Earthland sono membri di una gilda. La gilda è un tipo di organizzazione caratterizzata da una base di membri ed un commercio comune. I protagonisti dell’opera fanno parte di Fairy Tail, gilda che dà il nome all’opera stessa ed ai suoi derivati. Nello loro avventure, i nostri protagonisti incontreranno molti maghi potentissimi, gireranno il mondo e finiranno addirittura in dimensioni parallele.

La serie animata andrà in onda tutti i giorni sul canale 42 alle 23.55. Orario poco adatto ai bambini ma sicuramente gestibile per un pubblico più adulto. Il cartone infatti è adatto a tutte le età e noi lo consigliamo caldamente, soprattutto agli amanti dell’animazione giapponese.

Leggi anche – Rai Gulp, arriva Leo Da Vinci con nuovi episodi, dal 1 aprile

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: