fbpx

25 anni in Viaggio con Pippo – Un ricordo della nostra infanzia

In Viaggio con Pippo compie in questi giorni 25 anni. La pellicola uscì nei cinema americani il 6 aprile del 1995 e 25 anni dopo sembra non essere invecchiato. Per noi di Bimbi Sperduti, il film trasmette tutt’ora sempre le stesse fantastiche emozioni e la voglia di ridere e di svagarsi, tutte quelle caratteristiche che hanno reso Pippo uno dei nostri personaggi preferiti.

Pippo da Disney Afternoon al Grande Schermo

Disney Afternoon, programma contenitore di serie TV animate Disney che l’azienda lanciò degli anni ’90 e che andò ad occupare lo slot del primo pomeriggio. Il programma fu un successo e tantissime serie TV di grande impatto passarono da Disney Afternoon (come Gragoyles, Duck Tales, Darkwing Duck e Cip e Ciop Agenti Speciali).

La serie TV animata con protagonista Pippo, creata da Robert Taylor, riuscì a dare uno spessore ed una caratterizzazione unica a quello che, fino a quel momento, era stata la maldestra spalla di Topolino. Pippo, che era apparso solo in alcuni corti animati nel passato, qui divenne per la prima volta protagonista di una serie TV animata tutta sua. Venne creato un ruolo decisamente anomalo per il personaggio, genitore al fianco del figlio undicenne Max. Letteralmente alla sua sinistra, nel ruolo del vicino di casa, a vivere una vita “apparentemente” perfetta e ricca di comfort troviamo Pietro Gambadilegno.

L’acerrimo nemico di Topolino per eccellenza, appare in una versione decisamente imborghesita. Sposato con Pegg e con due figli a carico, la piccola Carabina ed il figlio PJ, il migliore amico di Max. La serie TV marcata Disney trattava con umorismo e simpatia tematiche come la vita scolastica e la famiglia.

Pippo alle prese con le difficoltà della vita

Pippo, infatti, veste i panni di padre single, con tutte le difficoltà legate al crescere un figlio adolescente. Della madre di Max non si è mai saputo niente, tant’è vero che all’epoca tantissimi fan della serie animata Disney “Ecco Pippo!” contattarono direttamente l’azienda in cerca di delucidazioni. A riguardo, il colosso non ha mai dato una risposta.

Tutte queste tematiche vengono ancora più esaltate, secondo noi di Bimbi Sperduti, nel film “In Viaggio con Pippo”. Questo lungometraggio spin-off della serie è diretto da Kevin Lima, che da lì a breve dirigerà anche il film animato di Tarzan, il primo lungometraggio animato interamente dedicato al personaggio.

in viaggio con pippo disney bimbi sperduti

Aiuto! Mi son perso qualcosa!

Inizialmente, “In Viaggio con Pippo” doveva essere una sorta di “Ecco Pippo!” in versione “allungata” su un’ora e mezza. In quel momento, però, Disney era fresca da una disastrosa batosta al botteghino con il film di “Ducktales – Alla ricerca della Lampada Perduta”. Proprio per questo, Disney decise di cambiare totalmente le carte in tavola.

Al film venne dato quindi un tono leggermente più maturo. Vennero cancellati alcuni personaggi, come la moglie di Pietro Pegg e la figlia Carabina. Tutto il tema principale venne centrato sul rapporto padre-figlio tra Pippo e Max.

Nel Film Max Scopre l’amore nella compagna di classe Roxenne e da lì in poi il suo unico scopo sarà quello di conquistare la giovane, unendo l’intelletto alla sua passione per la musica e per il cantante pop Powerline. Dopo la sua disastrosa performance canora palesemente improvvisata e decisamente non organizzata con i professori ed il preside della scuola, quest’ultimo decide di contattare Pippo per informarlo dell’accaduto.

Pippo decide così di tentare di avvicinarsi di più al figlio per capire le sue problematiche invitandolo ad un viaggio coast-to-coast. La sua proposta causa solamente il fatto di far infuriare ancor di più Max perché questo viaggio porterà Max a saltare la festa con cui si è organizzato per incontrarsi con Roxenne. Parte così il viaggio che dà il titolo italiano alla pellicola che, tra divertentissime gag, ci mostra prima la rottura del rapporto tra Max e Pippo e poi il ritorno della complicità e della stima reciproca tra i due.

Pippo nella Wall of Fame?

Inutile dire che il film piacque praticamente a chiunque, tanto che, diversi anni dopo, in molti si batterono per far entrare “In Viaggio con Pippo” all’interno della canonicità dei classici Disney. Nonostante sia un primo film dedicato a Pippo, un lungometraggio animato, non rientra e non è considerato un classico Disney.

Noi di Bimbi Sperduti abbiamo sempre amato questa pellicola e ci ha sempre fatto un po’ tenerezza Pippo in questo film. Un padre single maldestro ma dal cuore tenero, tenta in tutti i modi di far felice il figlio Max combinandone, purtroppo, sempre qualcuna delle sue.

in viaggio con pippo disney bimbi sperduti

Guardando questo film, ci si rende conto di quanto Pippo desideri solamente la felicità del figlio e tenti in tutti i modi di dargliela. Successivamente uscì anche un sequel ufficiale direttamente in un video che non seppe reggere il confronto ed ebbe, quindi, scarso successo.

Tutta la serie animata di “Ecco Pippo!” e “In Viaggio con Pippo” sono disponibili su Disney+.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: